martedì 10 gennaio 2006

CASERA PRESOLDON




Casera Presoldon mt.1314.




Finalmente qualche cosa si muove!


Qualche giorno fa mentre stavo curiosando tra gli scaffali fantastici di “Sportler” alla ricerca di qualche novità nel settore, mi è capitato tra le mani, con grande e positiva sorpresa, un bellissimo opuscolo sulla prevenzione valanghe, rivolto a coloro che amano le escursioni con le racchette da neve e lo scialpinismo. Sono rimasto impressionato positivamente da questo opuscolo edito dalla Regione Friuli Venezia Giulia in collaborazione con la Direzione Centrale delle Risorse Agricole Naturali Forestali e Montagna e dall’AINEVA. Penso che questo sia un primo importante passo verso tutti gli escursionisti che amano sempre di più frequentare la nostra fantastica montagna.Su queste iniziative avevo “fantasticato”, non tanto tempo addietro, in occasione del triste avvenimento, dove hanno perso la vita due escursionisti, Ezio e Maria Rosa. Ho apprezzato molto questa importante iniziativa, sulla prevenzione degli incidenti in montagna, ma sono sicuro che si potrà fare ancora di più. Infatti ho letto con molta attenzione, anche perché molto interessato a tutte le notizie che riguardano tale argomento, il testo dell’opuscolo e tutti i consigli e i dati contenuti all’interno dello stesso, ed è per questo, che pur apprezzando moltissimo l’iniziativa, mi sento di dare qualche suggerimento  e di esprimere la mia opinione in merito. L’opuscolo è stato redatto benissimo, ma ho notato che è molto “TECNICHESE”. Leggendolo si ha l’impressione che il contenuto, sia rivolto prevalentemente a persone che hanno già una buona cognizione tecnica dell’argomento e quindi già a conoscenza  delle tecniche sulla prevenzione di questo tipo di incidenti in montagna. Forse bisognerebbe pensare che la montagna non è frequentata solamente da tecnici ed esperti del settore, ma anche da numerosissime persone comuni , che appena hanno un po’ di tempo libero, fuggono a “bordo” delle loro ciaspe in cerca del contatto magico con la natura. Sono sicuro che molto presto potrò leggere qualche cosa che illustrerà, in modo semplice, quelli che sono i suggerimenti e  i consigli su come prevenire questo tipo di incidenti di montagna. Vorrei inoltre segnalare(non lo faccio per “aruffianarmi”!!) , con queste mie righe, quanto mi è accaduto lo stesso giorno, mentre mi trovavo all’interno di Sportler,. Infatti dopo aver visionato gli opuscoli in questione, al fine di poter raccogliere notizie sugli accessori di sicurezza e sul loro funzionamento, ho iniziato un dialogo con un addetto di nome  Massimo che presta la propria opera lavorativa all’interno di Sportler . Sono rimasto positivamente impressionato dalla genuina Passione per la montagna che traspariva dalle sue parole, dalla sua disponibilità incondizionata a dare dei consigli e suggerimenti su vari argomenti, ma soprattutto dalla UMILTA’ con la “U” Maiuscola, che lo stesso possedeva. Credetemi PERSONE così è raro trovarle, quindi signori miei , vi consiglio vivamente, se avete qualsiasi dubbio , su come affrontare le escursioni in montagna, chiedete di Massimo. Per fortuna che esistono queste PERSONE!! Quindi visto che l’ambiente di Sportler è questo, senza paura, vorrei lanciare questa mia proposta alla sua Direzione, che senz’altro farà bene a molti escursionisti come me. Perché non organizzare una serata, all’interno di Sportler, dove vengano illustrati gli aspetti più importanti per effettuare un’escursione sulla neve?!!! Sicuramente tale iniziativa sarebbe veramente importante per tutte le persone che amano la nostra fantastica montagna ed inoltre aiuterebbe ad avvicinare ancora di più Sportler a queste numerosissime persone.

IL LIBRO DEGLI OSPITI

1 commento:

  1. lo so che mi mandi... ma cos'è e dov'è Sporler?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...