mercoledì 10 luglio 2019

UNA MONTAGNA DI CIME

Cima Grande di Lavaredo Ph:Fabio Falgari






































UNA MONTAGNA DI CIME

CIMA GRANDE DI LAVAREDO MT.2999 - VIA NORMALE
VENETO
(Belluno)
PH:Fabio Falgari


Oltre 70.000 immagini di cime della montagna italiana. Continua con grande successo l'iniziativa del Il Blog della Montagna con il Gruppo IN CIMA. Sono  più di 8700 gli alpinisti che condividono sul web le loro immagini di cime della montagna italiana.


martedì 9 luglio 2019

UNA MONTAGNA DI ESEMPI



Lo Scultore Paolo Rossetto e le sue Opere






































PAOLO ROSSETTO E I SUOI BOSCHI DI SCULTURE



Immergersi nei boschi di Collina di Forni Avoltri in Carnia (UD), dona sempre emozioni stupende. I suoi sentieri ci conducono passo dopo passo in cima alla felicità. Un paese incantevole abbracciato da monti meravigliosi e da una natura generosa dove ogni angolo meriterebbe di essere incorniciato. Tutto in questi luoghi magici ha la capacità di donare sensazioni uniche dal valore inestimabile . La serenità e la pace che si incontrano tra queste montagne sono davvero uniche. Ed è proprio in questo paese e nei suoi sentieri che si possono ammirare , in una vera e propria galleria d'arte a cielo aperto, le preziose opere realizzate dallo Scultore padovano Paolo Rossetto legato a questo Paese da un Amore Immenso.

LA SUA STORIA.
"Paolo Rossetto,nasce nel 1942 in pieno periodo di guerra e cresce assieme a 5 fratelli con i mille disagi che, in quel periodo, sopportava la maggioranza della popolazione.
Rimasto orfano di padre molto giovane,entra nel mondo del lavoro iniziando a fare il garzone di un negozio di alimentari,poi il meccanico di biciclette,l’orologiaio ed infine l’apprendista in un laboratorio orafo. 
Qui,oltre ad imparare il mestiere, ha trovato modo di sviluppare un attenzione ai vari aspetti della vita,filosofici e psicologici,stimolato dall’intelligenza del padrone con il quale aveva instaurato un rapporto quasi filiale.
La voglia di migliorare la sua condizione sociale e di imparare nuove tecniche di lavorazione l’hanno spinto a specializzarsi nelle tecniche  dell’incastonatura.
Intagliare il metallo nobile per incastonare le pietre preziose,non era evidentemente sufficiente a soddisfare la sete di sperimentazione e la voglia di espressione,che lo portavano,nei momenti di pausa, ad intagliare vasetti di legno o pezzi di corallo raccolto durante le immersioni fatte nelle vacanze estive.
La fotografia,soprattutto quella subacquea, fu per un lungo periodo della sua vita, il mezzo per esprimere la creatività al di fuori dell’ambito lavorativo.
Seguendo con serenità i cambiamenti e le conseguenti limitazioni dovute all’età,che l’hanno allontanato dalle immersioni,ha spostato il suo interesse sulle montagne,dove, durante le lunghe passeggiate,ha potuto “reincontrare” sotto forma di fossili, le madrepore ed i coralli che amava fotografare quando si immergeva nelle acque del nostro ricco mediterraneo.
Ha iniziato a raccogliere le pietre che a lui ispiravano volti e corpi,umani ed animali,per poterle scolpire seguendo l’idea che la pietra suggeriva con le naturali asperità ed ha liberato la capacità e la voglia interiore,fino ad allora non del tutto espressa, di incidere e scolpire tutti i materiali che la natura può offrire."
Paolo Rossetto e la “favola bella”
dell’Ars e Natura naturans

"La sincerità inventiva di Paolo Rossetto scorge nell’appassionata adesione
alla natura organica e minerale una fonte prima di infinita ispirazione
artistica. Egli ‘legge’ nelle forme grezze i segni di creazioni estetiche di
intensa poesia e di rarefatta finezza ed eleganza.
Attraverso una proiezione dell’immaginario unita alla lezione della sua
esperienza di vita, egli coglie come Michelangelo la forma già insita nel
pezzo di pietra, marmo o legno che sia, e come Leonardo ciò che traspare
in superficie dovuto all’azione iniziata dalla natura stessa e che Rossetto
sembra prestarsi a completare. In una armoniosa simbiosi con l’attività
generatrice della natura egli definisce forme di animali o di uomini, che
sembrano scaturire da una metamorfosi in atto. Egli dunque accarezza
con grande sensibilità la scheggia di roccia o il ciottolo e lo accarezza con
lo sguardo frugando una storia nascosta ai distratti, dialoga intensamente
con i solchi, le asperità, le levigatezze e le venature e, dalle rivelazioni
ricevute, ricava la sua opera: con puntigliosa precisione e certosina cura
indaga le qualità del materiale e la sua storia rispettandone gli assunti e
traendo da questi le indicazioni per proseguire nella scoperta del
racconto della natura. Egli non può quindi che creare forme
naturalistiche suggerite dal suo continuo contatto con il percorso della
memoria biologica e delle sedimentazioni delle evoluzioni ctonie. A volte,
l’incantesimo produce inusitati valori estetici e suggestioni oniriche altre
volte la mano guida Rossetto verso tratti di ironica e divertita
contemplazione. A volte, si può scorgere il volo poetico nel librarsi
delle forme lontane dalla necessità nella più pura passione e nelle
affettuosità che mitigano ogni asprezza e sciolgono ogni durezza del
materiale come dell’anima di chi le osserva.
Egli opera come un fiume che scorre nel tempo della meditazione
più assorta restituendo una favola che narra tanto l’origine propria
alla materia dell’oggetto lavorato, quanto il suo ‘vissuto’: in esso si
inserisce un processo di umanizzazione che sgorga come sorgente
dalla dura roccia e copiosa scende nell’intimo di ognuno
coinvolgendolo in orizzonti nuovi di paradisi creduti perduti. La
pietra allora sorride, si interroga, propone e scioglie gli enigmi: volti
umani di razze diverse, di tempi storici diversi emergono, si
innestano, si sovrappongono o si ritirano nei crateri rocciosi in uno
scambio continuo fra identità materiale e identità psico-fisionomica
o, nel caso di animali, in un ambiguo migrare delle forme in alterità
fisiche rispetto al reale.
Il racconto avvincente di Paolo Rossetto può infiammare gli animi
puri, di coloro che non vivono nelle labirintiche costruzioni
intellettualistiche, ma che, memori di una sapienza antica, direi
ancestrale, stabiliscono contatti immediati e istintivi con la realtà,
sia questa l’esperienza degli uomini, degli animali, delle cose. Solo
allora ciò che è inanimato si anima e parla, solo allora la fantasia
creatrice dell’uomo incontra la fantastica varietà creatrice della
natura intrecciando un dialogo infinito che smuove e commuove
facendo sgorgare il calore dei più genuini sentimenti e solleticando
in modo altamente lucido i sensi."

Luglio 2000                                                         Carla Chiara Frigo



Paolo Rossetto Scultore


mercoledì 3 luglio 2019

PAROLE IN ALTA QUOTA




Ho riempito di parole l’enorme voragine della mia infanzia… Mi sono alzato in punta di piedi fino a toccare le rocce della Montagna… A lei mi sono appoggiato e con lei… Grazie a lei… ho scalato la Vita. (Dorino Bon)



UNA MONTAGNA DI ESEMPI

Carlo Budel Il Guardiano della Regina



CARLO BUDEL
SENTINELLA DELLE DOLOMITI
GUARDIANO DELLA SUA REGINA:LA MARMOLADA
CAPANNA PUNTA PENIA. IL RIFUGIO PIU’ ALTO DELLE DOLOMITI





Un grande esempio di come la Passione di un uomo per la montagna, la tecnologia e la potenza dei social network possano diventare uno strumento importantissimo e di estrema potenza per valorizzare il territorio montano e raccontare storie uniche di montagna. Carlo Budel, 45 di San Gregorio nelle Alpi(BL), operaio, ha coraggiosamente deciso di abbandonare, nel febbraio del 2016, la sua sua sicurezza del posto in fabbrica per salire in alto alla sua passione per la montagna. Carlo in poco tempo tempo ha deciso che gestire il Rifugio Punta Penia a 3.343 metri di quota sulla Marmolada (il più alto rifugio alpino delle Dolomiti) era la cosa giusta da fare per non sprecare ulteriormente del tempo prezioso.In pochissimo tempo con i suoi filmati e le sue fotografie, usando la straordinaria forza dei social network, facebook e Instagram, Carlo ha saputo generare un interesse straordinario per quei luoghi di incomensurabile bellezza che abbracciano la Marmolada e il suo stupendo territorio.Ogni giorno condivide il suo amore per la montagna raccontando ogni suo battito sulle meravigliose pendenze dei suoi amati luoghi.Ogni Emozione viene condivisa da Carlo senza filtri, allo stesso modo con cui la vive direttamente ed è proprio questo modo di condividere la bellezza che lo circonda che lo rende una Persona Unica nel suo genere. Una storia davvero molto bella e di esempio quasi da romanzare. Carlo Budel, con i suoi semplici ma molto affascinanti video, ha generato un movimento di appassionati meritevole di essere raccontato. Quindi non mi resta altro che invitarvi a seguirlo in questa sua singolare ed affascinante storia che lo ha , a pieno diritto fatto diventare LA SENTINELLA DELLE DOLOMITI E GUARDIANO DELLA SUA REGINA: LA MARMOLADA. Buona Montagna Carlo e specialmente Felice Vita. Grazie per il Tuo Magnifico ed esemplare Modo di Trasmettere la Tua passione e Amore per i tuoi Meravigliosi Monti. Le immagini realizzate da Carlo Budel le potrete ammirare sulla sua pagina facebook, sulla pagina facebook I DOLOMITICI! e sul suo profilo Instagram. Vi consiglio di guardare anche una sua Video intervista rilasciata a "L'AMICO DEL POPOLO", dove Carlo racconta la sua stupenda storia. (Anche su Youtube)



Ed ora la Storia di Carlo Budel anche su libro
CARLO BUDEL
LA SENTINELLA DELLE DOLOMITI
EDICICLO EDITORE







martedì 2 luglio 2019

PAROLE IN ALTA QUOTA

Collina di Forni Avoltri & Dintorni


COLLINA DI FORNI AVOLTRI & DINTORNI

Lassù tra le mie nuvole...trovo tutto ciò che mi serve per stare sulla terra.
(Dorino Bon)




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...